Se siete degli amanti dei cartoni animati e dei film Disney, starete aspettando con trepidazione l’arrivo in Italia di Disney Plus, piattaforma streaming dei contenuti del grande colosso cinematografico mondiale. In questo articolo vi forniremo tutte le informazioni necessarie sull’arrivo in Italia di Disney +, il servizio streaming Disney tanto atteso, i costi, i film in uscita e tutto quello che c’è da sapere.

Indice

Disney +: tutto quello che c’è da sapere

Per i fan dello streaming ci sono delle notizie a dir poco favolose!

Il servizio di streaming di The Walt Disney Company ha debuttato il 12 novembre 2019 negli Stati Uniti, e sbarcherà in Italia il 31 marzo 2020.

Disney Plus, noto anche come Disney +, è la tanto attesa piattaforma streaming intenzionata a competere con servizi affermati come Netflix e Amazon Prime Video.

Dopo una grande campagna pubblicitaria e annunci di contenuti di grandi dimensioni, è ora arrivato negli Stati Uniti, in Canada, Australia, Nuova Zelanda e nei Paesi Bassi con già 10 milioni di registrazioni.

Questo è il servizio in cui troverete i classici film d’animazione Disney, Pixar, Star Wars, Marvel e contenuti Fox come I Simpson.

Il punto di forza di Disney+ infatti è senza dubbio il catalogo che, per quanto riguarda il mercato italiano, è ancora in fase di definizione.

Negli USA è composto da oltre 500 film Disney, più di 25 serie TV originali, tutte le stagioni (31) de I Simpson – ora passata alla scuderia di Topolino -, più di 5mila episodi di serie andate in onda su Disney Channel e, infine, oltre 250 ore di documentari speciali con la firma di National Geographic.

I contenuti originali iniziano con The Mandalorian, la prima serie TV live-action dell’universo di Star Wars, ma sono previsti contenuti originali anche per Pixar e Marvel. Pare che Disney sia ben preparata per affrontare i suoi rivali.

Disney +: film Disney Plus in uscita nel 2020

Come anticipato arriverà in Italia il 31 marzo 2020 e probabilmente potrete approfittare di una prova gratuita di 7 giorni per verificare se fa al caso vostro prima di iscrivervi.

Il catalogo Disney non è ancora del tutto completo, soprattutto per quanto riguarda i film Disney degli anni ’90, ma ce ne sono già comunque tantissimi.

Al momento non ci sono film usciti al cinema di recente come Toy Story 4 o i live-action di Aladdin e Il Re Leone, ma probabilmente saranno disponibili poco dopo l’uscita del DVD e Blu-ray.

Questi nuovi arrivi scaglionati dovrebbero aiutare a dilazionare i nuovi abbonamenti e incuriosire il potenziale pubblico.

Questi sono i prossimi arrivi previsti per il 2019 e 2020:

  • Coco

    (29 novembre): un Inside Out trascendentale, dove a raccontare di ricordi e memoria, e prendere forma coloratissima e innovativa non è la psiche di un personaggio, ma un oltretomba pirotecnico e psichedelico.

  • Thor – Ragnarok

    (5 dicembre): un film in cui al centro ci sono gli immancabili scontri tra eroi con l’epica e spettacolare battaglia gladiatoria tra i “colleghi di lavoro” Thor e Hulk, i traditori e i leader carismatici.

  • Black Panther

    (4 marzo 2020): le vicende di T’Challa, re del Wakanda, nazione africana tra le più avanzate. La ricomparsa di uno storico nemico lo mette a dura prova, sia come re che come Black Panther.

  • Nelle Pieghe del Tempo

    (25 marzo 2020): un famoso scienziato scompare dopo un esperimento. Sua figlia Meg non si rassegna all’idea di considerarlo morto e si mette alla ricerca del padre.

  • Il Mistero dei Templari

    (30 aprile 2020): scevro da qualsiasi implicazione politica o religiosa, vuole solo divertire.

  • John Carter

    (2 maggio 2020): dopo un’esperienza extracorporea, Carter viene teletrasportato su un altro pianeta per diventare un nuovo eroe, intrappolato in un mondo lontano.

  • Solo – A Star Wars Story

    (9 luglio 2020): sei anni di vita di Han Solo, dai 18 ai 24 anni, il suo primo incontro con Chewbecca e l’origine del suo nome.

  • Avengers – Infinity War

    (25 giugno 2020): un concentrato tale di azione, pathos e divertimento(oltre che attori di primissimo ordine) da riuscire effettivamente a far impallidire qualsiasi cosa ci sia stato prima.

  • Ant-Man and the Wasp

    (29 luglio 2020): Scott Lang e Hope van Dyne fanno squadra nei panni di Ant-Man e Wasp in una nuova missione affidata loro dal dottor Hank Pym.

  • Gli Incredibili 2

    (30 luglio 2020): Mentre Mrs. Incredible va in missione per recuperare i Super, Mr. Incredible veste i panni di casalingo, tra i compiti di Flash, le crisi adolescenziali di Violetta e il piccolo Jack-Jack.

  • Cenerentola, il film del 2015

    (1 settembre 2020): Un live action Disney che, ispirato a una favola classica, dà vita alle immagini senza tempo del capolavoro d’animazione del 1950.

  • Christopher Robin

    (25 settembre 2020): Il figlio di A.A. Milne, Christopher Robin, è colui che ha ispirato l’omonimo personaggio di Winnie the Pooh.

  • La Bella e la Bestia, il live-action

    (1 ottobre 2020): La storia di un principe dall’aspetto ‘bestiale’ imprigionato nel suo castello e del suo incontro con una bella principessa.

  • Maleficent

    (1 ottobre 2020): Angelina Jolie torna a vestire i panni di Malefica dopo il successo del primo capitolo diretto da Robert Stromberg.

  • Tomorrowland

    (1 settembre 2021): Una brillante adolescente e un geniale inventore partono per una missione piena di pericoli per portare alla luce i segreti di un luogo enigmatico.

Il catalogo quindi promette di essere vario e ricco di contenuti in grado di soddisfare i gusti di un pubblico molto vasto. Per questo motivo è prevista anche una serie incentrata sul personaggio della Marvel, Loki, ispirato alla divinità della mitologia nordica, di certo molto diverso dal concetto di eroe classico spesso rappresentato nei disegni e nei film della famosa casa di fumetti.

Gabriella Montez e Troy Bolton torneranno su Disney Plus per far sognare i fan della loro appassionante storia d’amore in High School Musical mentre per una full immersion nella fantascienza e nell’avventura non c’è che seguire il prequel di Rouge One.

Don Chisciotte, Magic Camp, Timmy Failur e Tre Scapoli e un bebè sono altri progetti in cantiere per arricchire la già molto varia offerta della piattaforma.

Disney +: costi dell’abbonamento

L’aspetto relativo al costo dell’abbonamento alla piattaforma streaming Disney+ non è ancora stato chiarito ma sembra che esso sarà piuttosto competitivo rispetto alla concorrenza e, rimanendo in linea con gli altri servizi che la Disney sta lanciando in questo periodo (lo streaming sportivo, ad esempio) il prezzo dell’abbonamento potrebbe essere compreso tra 4.99 e 9.90 euro/mese, prevedendo magari pacchetti più vantaggiosi a seconda dei vari piani tariffari.

Con altrettanta probabilità verrà offerto un periodo di prova gratuito per testare il servizio, al termine del quale sarà possibile decidere se pagare o abbandonare la piattaforma. L’adesione ad essa potrà, inoltre, essere abbandonata e ripresa in qualunque momento come avviene per tutti gli altri competitors.

Disney Plus è supportato praticamente da tutte le principali piattaforme che erano già state svelate prima del suo debutto.

Sono inclusi Apple TV, i dispositivi di streaming Roku, Google Chromecast, iOS e Android, PS4 e Xbox One, nonché la piattaforma Android TV che supporta Nvidia Shield TV, TV Sony e TV Hisense.

Anche la Fire TV di Amazon è supportata, a seguito di un accordo tardivo tra Disney e il colosso della vendita al dettaglio.

Qualche tempo fa abbiamo sentito parlare di un’app Disney Plus pianificata per Nintendo Switch, ma al momento questa rimane solo una voce.

Disney +: il caso de “I Simpson”

Per quanto riguarda il discorso de I Simpson, gli utenti hanno riferito che episodi pre-HD più vecchi de I Simpson (ovvero i migliori) sono stati modificati su Disney Plus per adattarli a un formato widescreen, rimuovendo alcune delle battute più belle per cui la sitcom animata è famosa.

Al momento non esiste un’opzione per ripristinare le proporzioni 4:3 originali. Neanche i commenti audio di tutti gli episodi usciti con i DVD sono arrivati su Disney Plus, davvero un’occasione sprecata.

Tuttavia, altri programmi Disney più vecchi sulla piattaforma vengono visualizzati nelle loro proporzioni native.

Disney Plus supporta la visione simultanea su un massimo di quattro dispositivi contemporaneamente in risoluzione 4K e HDR (alta gamma dinamica) senza costi aggiuntivi, con un massimo di sette profili utente sulla piattaforma.

Non tutti i contenuti sono disponibili in 4K/HDR, ovviamente, e naturalmente avrete comunque bisogno di un TV 4K per guardare i contenuti. Ma dal momento che tutti i film di Star Wars originali sono stati attivati sul servizio in 4K con supporto Dolby Vision, ciò fa ben sperare per i film futuri.

Netflix, d’altra parte, fornisce già lo streaming in 4K/HDR, ma a un prezzo maggiore. Disney Plus supporta sia Dolby Atmos che Dolby Vision con il prezzo base, rendendolo una scelta fantastica per gli amanti del cinema.

Ovviamente nella piattaforma non ci saranno contenuti esterni all’ecosistema Disney, per quanto ne sappiamo. Il motivo per cui vedete una così vasta gamma di contenuti su piattaforme come Netflix è perché hanno una grande rete di contratti di licenza con studi esterni. Disney Plus è un’offerta più mirata.

Ma, naturalmente, la Disney ha molti contenuti da cui attingere, soprattutto con la recente acquisizione di film e spettacoli Fox. Vale anche la pena notare che non ci saranno contenuti per adulti su Disney+, anche se la Disney ora possiede Fox.

Insomma le informazioni ci sono un pò tutte, non resta che aspettare le prossime mosse della Disney per vedere se ci saranno ulteriori cambiamenti o novità. E se non ci saranno allora aspetteremo con ansia il 31 marzo!

Ricevi notifiche!    Fantastico! No