Ascoltare la musica è un passatempo a cui ciascuno di noi non può proprio rinunciare. Ad oggi le possibilità per ascoltare i brani che più ci piacciono sono davvero molteplici, ma esistono sicuramente delle app che più di altre ci permettono di godere al meglio di tutta la musica che più amiamo. In questo articolo abbiamo raccolto quelle che per noi sono al momento le migliori app per ascoltare musica in streaming.

Indice

La musica in streaming

 

La musica è da sempre una fidata compagna di vita, colei in grado di scandire ogni momento, sia triste che allegro, di accompagnarlo, ridisegnarlo o addirittura in grado di farcelo rivivere.

Una potenza immensa che nel corso del tempo ha cambiato non solo forma, ma anche e specialmente modo di fruirla.
Se volessimo fare un veloce excursus potremmo dire che in breve tempo si è passati dal giradischi, al walkman, alle cassette, al più piccolo mp3/mp4, ipod, fino ai cd che ancora sopravvivono a questa generazione, ma che stanno diventando sempre di più degli oggetti misteriosi acquistati per lo più da collezionisti.

Una certezza è rimasta, non si è smesso di ascoltare la musica, è soltanto cambiato il modo di farlo, evolvendosi per stare al passo coi tempi.

E’ stato forse l’avvento degli smartphone quello che più di tutti ha dato una svolta andando a cambiare in maniera definitiva il modo di ascoltare la musica.

Al giorno d’oggi la maggior parte delle persone si è convertita alla musica in streaming, un metodo semplice e veloce per poter ascoltare la musica sempre e dovunque, solo utilizzando il proprio smartphone.

Proprio per questo motivo abbiamo pensato di selezionare quelle che secondo noi sono le migliori applicazioni per questo tipo di utilizzo.

Le migliori app di musica

Al primo posto tra le migliori app per ascoltare musica in streaming è doveroso menzionare il tanto apprezzato e conosciuto Spotify.

Spotify è tra le migliori app musicali in cui creare playlist personalizzate condivisibili con gli altri utenti. Spotify è gratis per IOS e Android nella versione free. La funzione premium prevede invece un abbonamento mensile di 9.99€, che consente l’utilizzo offline, aumenta la qualità del suono ed elimina la pubblicità. Basta cercare un brano, artista o album, o lasciarsi ispirare da suggerimenti personali e playlist già pronte.

Youtube propone da tempo l’app che consente di riprodurre video tramite link in e-mail, MMS, e sui siti, esattamente come da pc. C’è la possibilità di accedere direttamente col proprio canale e ascoltare quindi anche video preferiti, novità dei canali a cui siamo iscritti e playlist salvate. Un’ulteriore app consente di vedere i video musicali VEVO in alta definizione, sempre gratuitamente.

Tidal è un servizio di streaming di cui è proprietario il famoso rapper Jay-Z che possiede, non a caso, una particolarità: il suo catalogo musicale è composto quasi totalmente da hip hop, drum ‘n bass, musica elettronica e dance. Alcuni album escono in anteprima esclusiva su Tidal. Quindi è sì un servizio di streaming musicale a tutto tondo, ma particolarmente adatto agli amanti del genere rap/hip-hop dato che in certi casi questo servizio funge anche da piattaforma di lancio dei rapper del futuro.

Amazon Music Unlimited è un altro di quei servizi che negli ultimi tempi si è guadagnato la sua bella fetta di pubblico. Catalogo musicale ben fornito, radio e playlist personalizzate, musica online e offline. Amazon Music Unlimited è interessante (oltre la qualità dello streaming e per le playlist create appositamente da esperti musicali italiani) per le modalità di abbonamento. 10 euro mensili per il singolo e 15 euro mensili per l’abbonamento famiglia che consente fino a sei account diversi di utilizzare il servizio contemporaneamente. Tuttavia, nel caso possediate Amazon Prime, potrete evitare di pagare due mensilità all’anno.

Soundcloud è un’app che consente di ascoltare musica e contenuti audio, scoprire creazioni musicali nuove e di tendenza, salvare brani, creare playlist, seguire amici e artisti e ascoltare podcast. Con SoundCloud si possono esplorare i contenuti più popolari (anche divisi per genere), cercare artisti ed utenti e ascoltare le loro creazioni condivise. Effettuando l’accesso con Facebook e Google+ si può geolocalizzare e condividere creazioni o playlist anche con Twitter e Tumblr. Ultima precisazione: l’app è disponibile solo in inglese e spagnolo.

Deezer offre milioni di brani senza limiti su smartphone, tablet e computer. Grazie ai Deezer Editor e agli algoritmi intelligenti, i consigli personalizzati consentono di riprodurre musica non-stop con canali radio ispirati ai brani selezionati. Sempre in modalità gratuita è possibile creare playlist e scoprire migliaia di canali radio, tra cui anche quelli associati ai propri artisti preferiti. Con soli 9.99€ al mese, Premium+ elimina la pubblicità, aumenta la qualità del suono e sincronizza i brani da ascoltare offline.

Musixmatch è un’altra delle migliori app per ascoltare musica ed è tutta italiana. L’app consente di vedere e ascoltare gratuitamente live e video, e contiene il più grande archivio di testi al mondo. Grazie a Musixmatch si possono trovare informazioni su artisti e discografie, identificare canzoni ed acquistarle da iTunes.

Google Play Music è l’app di Google che consente di ascoltare e condividere la musica su Android e Web. Il nuovo servizio Unlimited permette di ascoltare la radio senza pubblicità e scoprire playlist di esperti. Anche il servizio Standard consente di ascoltare la propria raccolta musicale ovunque, memorizzandola online. E’ possibile inoltre creare stazioni radio personalizzate e ricevere consigli. Oltre 18 milioni di brani sono inoltre acquistabili su Google Play, ed è possibile condividerne un ascolto gratuito con gli amici su Google+.

Shazam, app molto conosciuta, si potrebbe descrivere come un’ app che semplifica di molto tante cose. Ad esempio? Riconosce le canzoni che state ascoltando e trova per voi i titoli! Inoltre consente di ascoltarne l’anteprima, comprare su iTunes e cantare leggendo i testi in tempo reale. I brani possono inoltre essere condivisi su Twitter, WhatsApp, Youtube ,Google +, Pinterest e Spotify. Si può dare un’occhiata alla musica di tendenza e leggere suggerimenti degli amici. Permette addirittura di acquistare biglietti per i concerti. Shazam è disponibile e gratuita sia per IOS che per Android, ma per evitare annunci pubblicitari occorre passare a Shazam Encore da 6,99€ al mese.

Napster è stato il primo servizio di musica in streaming a scendere in campo. Gode di un catalogo musicale di tutto rispetto ed un software che cataloga ed organizza benissimo artisti e generi. L’app è disponibile su smartphone, PC, automobili, e per gli Home Entertainment Systems.

La musica in streaming con Apple Music

Se da un lato vi abbiamo elencato quelle che al momento possono essere considerate le migliori app per ascoltare musica in streaming, dall’altro lato non possiamo non dedicare uno spazio ad un vero e proprio colosso della musica in streaming: Apple Music.

Apple Music è il servizio ufficiale di streaming musicale della Apple, una piattaforma disponibile sia nella versione desktop per il web che come app per i dispositivi mobili. Attivando un abbonamento mensile è possibile accedere ad oltre 50 milioni di brani musicali, da ascoltare su Mac OS, iPhone, oppure su smartphone Android e pc con sistema operativo Windows. Tra le funzionalità più interessanti di Apple Music ci sono le playlist personalizzate, le librerie scaricabili per ascoltare le tracce in modalità offline, le stazioni radio e la possibilità di archiviare le tracce su iCloud.

Per i dispositivi mobili l’app è scaricabile gratuitamente su App Store e Google Play Store, comunque è possibile collegarsi anche tramite il proprio account iTunes, specialmente per chi predilige l’ascolto attraverso il pc Mac OS. Ovviamente è necessario possedere un ID Apple, un codice personale collegato al proprio account Apple, che consente di usufruire di tutti i servizi e le app dell’azienda.

Ogni settimana la piattaforma propone delle speciali playlist, con le canzoni più ascoltate del momento, quelle scelte dai propri amici e le ultime novità, ricevute direttamente con un avviso nella bacheca principale. Apple Music è integrata con Siri, l’assistente vocale della Apple, funzionalità che consente di trovare brani e artisti con i comandi vocali.

Con Apple Music si possono visualizzare anche i testi delle canzoni, per leggere le parole dei brani musicali durante la riproduzione in streaming, creare delle librerie personali, per riascoltare la musica desiderata anche in modalità offline, oppure consultare le classifiche internazionali, divise per generi e aree geografiche. Per utilizzare i servizi di streaming musicale di Apple Music è necessario sottoscrivere un abbonamento, tuttavia per i nuovi iscritti è previsto un periodo di prova di 3 mesi, durante il quale è possibile usare Apple Music gratis, mentre al termine si può decidere se passare alla versione a pagamento oppure disdire l’iscrizione alla piattaforma. I piani tariffari di Apple Music sono 3: Studenti, Individuale e Famiglia, per ognuno dei quali è possibile usufruire del periodo di prova gratuito. Si parte da 4,99€ al mese per il piano studenti, 9,99€ per quello individuale e 14,99€ per l’abbonamento famiglia.

Purtroppo non è presente nessuna versione free, perciò non è possibile avere Apple Music gratis, quindi, a parte il periodo di prova, è necessario acquistare un abbonamento mensile, altrimenti dopo i 3 mesi iniziali il servizio verrà disattivato.

Questo è quanto! Una scelta davvero diversificata, non vi resta che fare le dovute valutazioni.

Ricevi notifiche!    Fantastico! No